Quando si pensa allo zolfo, si pensa ad un minerale, e nelle accezioni comuni non si pensa ad esso come ad un elemento che rientri nella alimentazione umana, quanto appunto ad una pietra che nulla ha in comune con il corpo umano e con il metabolismo umano; eppure, è un elemento molto importante e lo stato di benessere di un individuo passa anche attraverso gli adeguati apporti di zolfo.

Zolfo proprietà

Lo zolfo, elemento chimico presente nella tavola periodica degli elementi con simbolo S e numero atomico 16, è vitale per tutti gli esseri viventi, risultando sempre presente in due amminoacidi, la cisteina e la metionina (in realtà è anche presente negli aminoacidi omocisteina e taurina). La forma biologica attiva è detta  metil sulfenil metano (MSM) è in pratica lo zolfo organico nella sua forma naturale come si trova nel mare, nel suolo e nell'atmosfera. Di fatto è una molecola presente nella struttura di molte proteine cellulari, nello specifico entra nella struttura di importanti proteine e di altri numerosi composti organici come l'acido condroitin solforico, l'insulina, il coenzima A, l'eparina, l'acido taurocolico, eccetera.

 

Da quanto riassunto si intuisce che lo zolfo è un elemento indispensabile alla vita di tutte le cellule del corpo umano, ma di fatto anche del regno vegetale e animale. I ponti chimici costituiti dallo zolfo fra diverse proteine sono infatti molto importanti per l'assemblaggio e la struttura delle proteine stesse, definendone anche la funzione. Ad esempio, lo zolfo è elemento costituzionale essenziale nella molecola del glutatione, stuttura aminoacidica complessa costituita da aminoacidi, cisteina, glutammina e glicina che nel corpo umano svolge funzioni fondamentali:

  • azione anti infiammatoria,
  • azione antiossidante (elimina i radicali liberi),
  • azione detosifficante (lega tossine e metalli, favorendone la loro eliminazione per via epatica o renale).

Lo zolfo risulta dunque indispensabile nella formazione di cartilagini, unghie, peli e capelli, consente un fisiologico funzionamento del tessuto connettivo, partecipa alla gestione della energia cellulare, favorisce il mantenimento del tono muscolare, conferisce elasticità allo scheletro, svolge ruolo primario nella trasformazione di carboidrati in energia, partecipa alla formazione ed alla funzione dell'ormone insulina, ottimizza le funzioni di apparato cardiocircolatorio e apparato respiratorio, contrasta modulando l'infiammazione, allergie ed infezioni di batteri e funghi. 

Zolfo alimenti

Esso è assunto dal corpo umano con l'alimentazione, essendo presente negli alimenti proteici contenenti gli aminoacidi precedentemente indicati. Tra gli alimenti che contengono zolfo dobbiamo ricordare le uova che generalmente sono ricchi di proteine, i pesci (frutti di mare, salmone, trota, sgombro, merluzzo, sardine e branzino), il latte ed i suoi derivati, i legumi in genere, il germe di grano, le crocifere (broccoli, cavolfiori, cavoli, cavolini di Bruxelles, rape e cavolo rapa), la cipolla, gli asparagi ed i cetrioli, l'aglio.

I recenti studi hanno evidenziato che la integrazione di zolfo sotto forma di MSM abbia delle applicazioni terapeutiche importanti in molte malattie:

  • alopecia
  • cicatrici cutanee da ustioni, incidenti o altro
  • artriti reumatiche
  • fibromialgia
  • dolori cronici articolari
  • cefalea ed emicrania
  • sindromi miofasciali e mialgie e borsiti
  • allergie

Zolfo Carenze

Quando non è utilizzato, esso viene eliminato per via renale. Eventi clinici di carenza da zolfo non sono identificabili specificamente; spesso la carenza di zolfo si associa alla carenza di altri elementi nutritivi, condizione che si verifica in diverse malattie che turbano il normale apporto ed assorbimento alimentare. Le forme di intossicazione da zolfo sono da considerarsi malattie da esposizione professionale allo zolfo inorganico, non sono note intossicazioni da eccesso alimentare.