Immagine che mostra la differenza tra un piede normale, pronato e supinato

Il termine supinazione in medicina indica un movimento opposto alla pronazione che si realizza, se si considera l’articolazione della caviglia, attraverso una fisiologica rotazione del piede verso l’esterno.

Cos'è la supinazione del piede?

In maniera generica si può affermare che il piede che supina è un piede che tende ad appoggiare sul margine esterno. Normalmente il piede ha un appoggio neutro, ma determinate condizioni (struttura anatomica, sport o lavori praticati, sovrappeso) possono modificare nel tempo l’appoggio; nei maratoneti ad esempio la pratica regolare della corsa induce una pronazione (il piede tende a caricare verso l’interno). Nei calciatori, o ad esempio in chi pratica equitazione, si verifica la condizione opposta: la supinazione appunto.

Quali sono i sintomi e le cause della supinazione del piede?

Come detto il piede supinato può essere un piede già così anatomicamente predisposto. La condizione in sé è asintomatica, ma in taluni casi la supinazione può associarsi a problemi: la supinazione può infatti anche essere causata dalla debolezza di alcuni muscoli del piede, della caviglia e della gamba, ma può essere anche dovuta a scarpe improprie, dismetrie del corpo, alterazioni della postura, pregressi traumi. In questi casi la supinazione può associarsi a condizioni cliniche di dolore al piede o alla gamba.

La sindrome di Haglund, ad esempio, è una malattia in cui la supinazione è un elemento predisponente. La tenosinovite dei peroneali, le fratture da stress del quinto metatarso, le metatarsalgie, rachialgie, infiammazioni dell'anca o delle ginocchia, fasciti plantari possono essere favorite da un piede supinato: solo in questo caso bisogna clinicamente intervenire.

Come si diagnostica la supinazione del piede?

Il metodo migliore per studiare l’appoggio plantare è certamente l’esame baropodometrico, in cui si sfrutta una piattaforma di sensori piezoelettrici capace di registrare il carico puntiforme esercitato dal corpo sulle superfici plantari, fornendo informazioni sul baricentro corporeo e nel contempo di valutare il carico sui piedi sia in condizioni di statica che in deambulazione o in corsa.

Come si cura la supinazione del piede?

Oggi, poi, esistono piattaforme di forza ancora più specifiche, che a guisa di plantari si calzano fornendo informazioni sull’appoggio anche in telemetria. Verificata la supinazione, e verificata che la condizione clinica sia predisponente a patologie, i provvedimenti da prendere sono semplici e diversi:

  • selezionare uso quotidiano di scarpe leggere con extra ammortizzazione, ampio spazio in punta, ed appoggio neutro
  • per la corsa indossare scarpe specificamente progettate per supinatori (forme poco comuni).
  • usare ortesi plantari per supinatori, che si possono fare su misura o, ove possibile, essere acquistate in par farmacie o officine ortopediche
  • avviare programmi di attività fisica adattata finalizzata a rafforzare i muscoli delle gambe e dei piedi più deboli e di allungare quelli più "tirati" al fine di riequilibrare la posizione del piede

Un piede supinato dunque non è un piede patologico, ma può predisporre a patologie, dunque l’attenzione è d’obbligo, specie se si praticano sport usuranti o si praticano lavori con posture erette prolungate.