La pronazione dolorosa del piede è spesso conseguenza di appiattimento o rotazione del piede nel suo appoggio al suoloLa pronazione dolorosa del piede è spesso conseguenza di un eccesso di pronazione o iperpronazione, una condizione caratterizzata da una sorta di appiattimento o rotazione del piede nel suo appoggio al suolo (nel piattismo la condizione di pronazione permanente è caratteristica).

Cos'è la pronazione del piede

La condizione della pronazione si verifica come trasferimento del peso dal tallone all'avampiede con spostamento del piede verso l'interno. In questa condizione si verifica il movimento dell'articolazione sottoastragalica (tra astragalo e calcagno) in eversione, dorsi flessione e abduzione.

Il movimento in pronazione del piede è dunque, per certi aspetti, ed entro certi limiti, una condizione fisiologica dell’appoggio plantare nella fase deambulatoria ed anche in ortostasi.

Cause della pronazione dolorosa del piede

Un eccesso di pronazione, in attività motorie prolungate, come nel podismo, o in sport professionistici come calcio, basket o tennis, può rappresentare un serio fattore di rischio per una condizione di pronazione dolorosa o iperpronazione dolorosa, con dolore, limitazione funzionale e rischio di ulteriori patologie associate. La condizione di iper pronazione può essere congenita, o acquisita nel tempo, a seguito di usura, posture specifiche, calzature specifiche (tacchi alti, zeppe) o usuranti, sedentarietà, sport usuranti come appunto il fondo ed il mezzo fondo.

La iperpronazione dunque è una condizione di per sé possibilmente dolorosa ed associabile, se non corretta, a patologie ortopediche importanti, come la fascite plantare, la sindrome di Haglund, la tallodinia, la sindrome compartimentale anteriore, la sindrome dolorosa femoro-rotulea, la sindrome del tunnel tarsale, la deformazione del primo dito in alluce valgo, la tendinite dell’achilleo o del tibiale posteriore.

Sintomi per la pronazione dolorosa del piede

Comunemente comunque, la sintomatologia della iperpronazione dolorosa coinvolge l’arco plantare mediale, con dolore che può iniziare sotto il calcagno ed irradiarsi lungo l’arco. Qualche volta il dolore è puntorio e prevalente nelle prime ore del mattino, si attenua con il calore o con massaggi alla volta plantare.

Rimedi e terapie per la pronazione dolorosa del piede

Non esiste una fisioterapia o dei medicinali che specificamente rimuovono il problema della iperpronazione; certo, fisioterapia e farmaci aiutano a gestire il dolore ed il processo infiammatorio, tuttavia è opportuno modificare l’appoggio plantare per evitare le ricadute (che possono sempre verificarsi nonostante tutto!).

Come faccio a sapere se ho una iperpronazione?

Bagnate i piedi e camminate lungo un tratto di pavimentazione, guardando poi le impronte lasciate

Semplice! In primo luogo, guardarsi i piedi in piedi, se sulla parte interna del piede non c’'è un arco e la parte più interna della suola tocca il pavimento, avete i piedi iperpronati.
In secondo luogo, guardate le vostre scarpe da corsa o quelle da lavoro. Se presentano una deformazione della tomaia nella parte mediale, verso l’interno, avete un problema di iperpronazone!
In terzo luogo, provate il test del piede bagnato. Bagnate i piedi e camminate lungo un tratto di pavimentazione, guardando poi le impronte lasciate: un piede normale lascerà una stampa del tallone , collegato all’avampiede da una striscia di circa metà della larghezza del piede sulla parte esterna. In un piede pronato parte anteriore e posteriore sono difficilmente distinguibili.

Come si diagnostica una iperpronazione?

Lo studio e la diagnosi di alterazioni dell’appoggio plantare si possono ottenere attraverso una analisi al podoscopio o al baropodometro, strumenti capaci di fornire informazioni qualitative e quantitative su come il piede appoggia al suolo. La correzione dell’appoggio plantare nei casi di iperpronazione o di pronazione dolorosa può avvenire attraverso:

  • uso di scarpe con sistemi di antipronazione
  • ortesi plantari specifiche con sistemi di antipronazione
  • ginnastica correttiva dei muscoli che controllano l’appoggio plantare

Si ribadisce il concetto che la pronazione eccessiva va corretta quando dolorosa o limitante l’attività sportiva o le attività quotidiane in genere.