Celiachia autoimmunePiù articoli di questo sito sono stati dedicati a malattie autoimmuni, e non perché ci si occupa nello specifico di reumatologia, ma per la crescente tematica di interesse mondiale, specie nelle società occidentali, più esposte a questo tipo di malattie.

Le malattie autoimmuni, in Europa sono al 5° posto come causa di malattie croniche, in America sono la seconda causa di malattia cronica, secondo la American Autoimmune Related Diseases Association (AARDA).

Cosa sono le malattie autoimmuni?

Le malattie autoimmuni si possono definire come malattie che colpiscono diversi distretti, organi, apparati e sistemi, in modo cronico, con grande deterioramento della qualità di vita dei pazienti, accomunate dalla causa: una aggressione degli organi e dei tessuti del corpo da parte del sistema immunitario, normalmente deputato alla difesa dello stesso organismo nei confronti di batteri, virus, fattori esterni. Un vero e proprio "fuoco amico", usando un gergo militare, capace di invalidare le persone e in alcuni casi di portarle anche a morte.

Artrite reumatoide, lupus, tiroidite di hashimoto, celiachia, fibromialgia, morbo di crohn, sindrome di Sjögren, diabete di tipo 1, psoriasi, dermatomiosite, sclerosi multipla, eccetera: tutte malattie, diverse tra loro non per la causa (la condizione autoimmune), ma per il bersaglio finale che il sistema immunitario colpisce (nella psoriasi è la cute, nella sclerosi multipla il tessuto nervoso).

Quali sono le cause delle malattie autoimmuni?

Nella malattia autoimmune, è scientificamente acclarata una risposta immunitaria difettosa in cui il sistema immunitario del corpo prende di mira i suoi stessi tessuti, incapace di distinguerli da cellule estranee e comincia ad attaccarli con conseguente danno ai tessuti del corpo e lo sviluppo di una malattia autoimmune correlata al tessuto colpito e danneggiato. Le malattie autoimmuni possono interessare quasi ogni parte del corpo. Gli scienziati hanno identificato più di ottanta malattie autoimmuni clinicamente distinte.

Ci sono molte teorie sulle origini di malattie autoimmuni; queste malattie sono prevalentemente nei paesi industrializzati, dunque gli scienziati sono concordi nella ricerca di elementi che correlino il fattore ambiente con la maggiore incidenza della malattia: eccesso di igiene, riduzione di fonti infettive, inquinanti ambientali, uso eccessivo di plastiche per conservazione degli alimenti, qualità “industriale” degli alimenti a lunga conservazione (additivi, conservanti, coloranti), esposizione del corpo umano a diverse fonti elettromagnetiche … tanti elementi sono stati correlati a questa aumentata incidenza di malattie autoimmuni nelle società occidentali, e tutte hanno ragione ma non spiegano fino in fondo tutto.

Unica cosa certa è che alla base di qualsiasi malattia autoimmune, giocano un ruolo sinergico fattori genetici e fattori ambientali. Spesso alla base di una malattia autoimmune vi è un processo infiammatorio (si pensi al diabete di tipo 1: un virus aggredisce il corpo, il sistema immunitario si attiva, segue una infiammazione che innesca reazione infiammatoria che distrugge le cellule che producono la insulina, di qui il diabete), ma la maggior parte delle malattie autoimmuni non sono causate o precedeute necessariamente da infiammazione, anche se molte malattie autoimmuni causano infiammazione; certamente alcuni processi infiammatori possono aumentare la possibilità di malattie autoimmuni in soggetti con una predisposizione genetica. Avere dunque una infiammazione può aumentare la probabilità di una risposta autoimmune, ma questo va inquadrato come un rischio, non una certezza: altri fattori devono intervenire nella insorgenza della malattia autoimmune.

Ad esempio, nella malattia celiaca, che è un enteropatia immuno-mediata innescata dall'ingestione di cereali contenenti glutine in soggetti geneticamente predisposti, la comorbidità tra altre malattie autoimmuni è stata documentata. C'è una correlazione tra celiachia e altre malattie autoimmuni, come il diabete di tipo 1, malattie autoimmuni della tiroide, sindrome di Sjögren, malattia epatica autoimmune, malattia infiammatoria intestinale, e il morbo di Addison.