Bacche di Goji all'albero

Le bacche di Goji sono il frutto di un arbusto deciduo che ha guadagnato di popolarità negli ultimi anni, capace di produrre appunto abbondanti frutti rossi nutrienti , che possono essere consumati freschi, cotti o essiccati: le bacche di Goji, appunto.

La pianta delle bacche di Goji

Le bacche di Goji non sono generalmente difficili da coltivare, le piante richiedono ombra leggera, sono molto resistenti e tollerano il vento, l'aria salmastra e la siccità. Le piante iniziano a dare frutti dopo due-tre anni dall’impianto e le bacche possono essere raccolte  dalla tarda estate fino ai primi geli. Fiori e frutta della pianta di Goji si formano sulle steli cresciute nel corso dell'anno precedente , quindi la potatura è consigliabile e mira a incoraggiare la produzione di questo legno (la potatura è consigliabile in primavera. Una volta stabilizzate le piante sono facili da coltivare e mantenere, possono crescere in quasi ogni tipo di terreno, può essere coltivata in casa se le condizioni esterne non sono favorevoli , ma l'impollinazione deve avvenire in modo manuale. La bacca di go ji cresce diventa un grande arbusto che può raggiungere altezze anche di 10 metri.

Caratteristiche alimentari delle bacche di Goji

Le bacche di Goji sono un alimento ricco dal punto di vista nutrizionale, in particolare contengono grandi quantità di carotenoidi, beta-carotene, zeaxantina, luteina, β-crytoxanthina, licopene, almeno sei vitamine (C, B1, B2, B3, B6, E),  molti oligoelementi, antiossidanti polifenolici e diciannove aminoacidi. In termini percentuali il 68% della massa di una bacca è costituita da carboidrati (zuccheri), il 12% da proteine, il 10% da grassi, un altro 10% da fibre. Ogni 100 g di bacche mangiate si assumono 370 calorie! I semi delle bacche di Goji contengono acidi grassi polinsaturi come l'acido linoleico (omega-6) e acido linolenico (omega-3): in sintesi un alimento salutare eccezionale!

Tra i minerali più contenuti si ricordano:

  • Calcio (costituente primario di denti e ossa, fondamentale anche per le funzioni cardiache, neuromuscolari e per la funzione di diversi enzimi): le bacche di goji contengono calcio per circa l’8-10% della dose giornaliera raccomandata.
  • Potassio (elettrolita fondamentale per la funzionalità cardiaca, muscolare e per l’equilibrio idroelettrolitico della persona): le bacche di Goji ne forniscono un 24% della dose giornaliera raccomandata.
  • Ferro (fondamentale per il trasporto dell’ossigeno nei muscoli e per il mantenimento di numerose reazioni metaboliche), le bacche di Goji forniscono il 100 % della dose giornaliera raccomandata, una delle migliori fonti di ferro disponibili!
  • Zinco (essenziale per la produzione delle proteine, del DNA e per le funzioni di oltre cento enzimi), le bacche di Goji hanno un alto contenuto al 20% della dose giornaliera raccomandata.
  • Selenio (minerale antiossidante per eccellenza) nelle bacche di Goji la quantità di questo elemento soddisfa il 100% della dose giornaliera raccomandata.
  • Riboflavina (detta vitamina B2, è essenziale per il metabolismo energetico), anche in questo caso le bacche forniscono il 100% della dose giornaliera raccomandata.
  • Vitamina C (antiossidante ed anti-infiammatorio universale), di questo prodotto le bacche ne contengono il 35% della dose raccomandata.

Le bacche di Goji nelle diete

Una porzione di bacche di goji ha 112 calorie totali, che è pari a circa il 5,5 per cento del valore giornaliero di calorie. Questo valore giornaliero si applica a una dieta giornaliera di 2.000 calorie. I carboidrati forniscono 94 calorie, grassi conti per 14 calorie e proteine rende le restanti 4 calorie. Le bacche di Goji contengono 24 g di carboidrati per porzione (100 grammi, la quantità  consigliata giornaliera è di 40 grammi), compreso 21 g di zucchero e 3 g di fibra alimentare. Questo fornisce circa l’8 per cento del valore giornaliero di carboidrati e il 12 per cento del valore giornaliero di fibra alimentare. Le bacche di Goji sono dunque un frutto ricco dal punto di vista nutrizionale, contenendo altresì alte dosi di beta-carotene, vitamina C, vitamina B, antiossidanti, ferro e oltre 18 aminoacidi, solo per citarne alcuni.

Nella dieta Dukan è spesso consigliata una associazione con bacche di Goji, in quanto l’alto potere nutrizionale delle bacche si confà con il modello dietetico iperproteico proposto (nella prima settimana si parla di una assunzione giornaliera di 100 g, nelle settimane successive una quantità giornaliera di mantenimento o fase di crociera di circa 60 g, 40 g al giorno di bacche di Goji nella fase di consolidamento).

Contro indicazioni sul consumo regolare di bacche di Goji

Una attenzione specifica va sottolineate: le bacche di Goji, se assunte regolarmente, con continuità, ed in quantità sostenute, sono controindicate in gravidanza. La Betaina contenuta nelle bacche di Goji può causare aborti spontanei, per sollecitazione delle contrazioni uterine. Inoltre, è noto che le bacche aumentino la tendenza al sanguinamento, dunque una loro assunzione a fini terapeutici alimentari è consigliata sotto la supervisione di un medico. Il maggiore interesse della industria alimentare su questo prodotto dipende dall’alto contenuto di alcuni elementi che hanno una grande importanza per la cute e per la vista (beta-carotene e zeaxantina), per la regolarità del transito intestinale (polisaccaridi) e per la stimolazione del sistema immunitario (licopene e fenoli): ad oggi le bacche, proprio per l’alto contenuto di questi prodotti, sono sempre più usati per marmellate, e per additivi alimentari ed integratori  di varia natura.