vista 3d colonna vertebrale con sistema neurologicoLa Medicina o Terapia del Dolore è un settore specialistico della medicina che affronta e cura il dolore cronico puntando alla sua scomparsa o alla sua considerevole diminuzione, indipendentemente dalla cura della “causa” del dolore, per migliorare la qualità della vita dei pazienti.

Quando si pensa al dolore cronico si pensa ai malati di tumore, ed è dall'esigenza di migliorare la vita di questi pazienti che l'algologia o medicina del dolore si è col tempo affinata per affrontare anche altri tipi di patologie in cui la condizione patologica che lo provoca non è aggredibile né farmacologicamente né chirurgicamente (neuropatie, artrosi diffuse, ernia, protrusione del disco, esiti di interventi chirurgici).

Quando il dolore persiste, resistendo ai comuni anti-infiammatori ed anti-dolorifici, instaurando un circolo vizioso di dolore, limitazione funzionale, depressione e ansia, l’algologia può divenire un ottimo presidio che non punta a curare e guarire la causa, ma esclusivamente a lenire il dolore, la cui presenza è fonte di stress per l'intero organismo, causando alterazioni nervose strutturali, metaboliche, cardiocircolatorie e psicologiche non indifferenti.

Per giungere ad un percorso algologico necessita un'anamnesi completa con cartelle cliniche, referti di esami, farmaci assunti che consentano di capire l'approccio anti-dolorifico adeguato.

Un grande campo di applicazione per la terapia del dolore è il trattamento delle ernie discali (bulging, ernia del disco, discoartrosi).

In generale comunque, i quadri clinici e le sindromi trattabili con la terapia del dolore sono diversi: dalle sindromi dolorose distrettuali (cervicalgia, brachialgie, dorsalgia, lombalgia, sacralgia e coccidinia), acute e croniche, alle ernie e protrusioni e degenerazioni discali, ma anche crolli vertebrali, dolori neurologici (dolori trigeminali, dolori craniofaciali, neuropatie diabetica, post-herpetica), sindromi dolorose di origine vascolare (arteriopatie obliteranti e vaso-spasticità) eccetera.

Le procedure diagnostico-terapeutiche per la terapia del dolore sono diverse:

  • blocchi antalgici (peridurali, al forame, alle faccette articolari, farmacologici o con RFP, radiofrequenza pulsata, metodica di neuromodulazione mediante l’applicazione di una stimolazione elettro-termica in prossimità della struttura nervosa interessata);
  • peridurografia e peridurolisi;
  • endoscopia spinale;
  • discografia evocativa;
  • procedure di decompressione/nucleoplastica discale (relifer, coablazione) e di anuloplastica discale (TDBA, IDET);
  • elettroneurostimolazione peridurale (SCS);
  • impianto di pompe infusionali intratecali (oppioidi/anestetici, locali/antispastici);
  • infiltrazioni intra-articolari (spalla, ginocchio,anca, caviglia) o periarticolari di trigger/tender points.