La sindrome di Ballard è caratterizzata fra le altre cose da fratture spesso spontanee delle dita delle manie e dei piediLa Sindrome di Ballard è una condizione rara caratterizzata da un ingrossamento del fegato e della milza e da fratture, spesso spontanee, che si verificano in aree di osso indebolito. La malattia è caratteristicamente congenita con basi ereditarie e si caratterizza, come elemento clinico particolare, per la brachidattilia, termine medico che significa letteralmente "dita corte".

Generalmente nei soggetti con sindrome di Ballard si assiste alla brevità sproporzionata delle dita delle mani e dei piedi.

 

Sintomi della Sindrome di Ballard

Questo elemento insieme ad altri segni e sintomi di seguito elencati caratterizza la sindrome di Ballard:

  • ingrossamento del fegato (epatomegalia)
  • ingrossamento della milza (splenomegalia)
  • fratture spontanee idiopatiche
  • basso livello di immunoglobulina nel sangue
  • immunità compromessa

Cure e terapie per la Sindrome di Ballard

Appare evidente che la sindrome di Ballard non è curabile, vanno solo gestite le complicanze e dunque i soggetti con questa sindrome devono periodicamente fare dei controlli clinici (ecografie addominali, esami ematici, esami delle urine, densitometria ossea), effettuare regolare campagne di vaccinazione. Un grosso contributo può essere fornito dalla alimentazione, in quanto vi sono alimenti che possono aiutare il sistema immunitario e ridurre il rischio di fratture:

  • latte,
  • latticini,
  • agrumi contenenti vitamina C,
  • carne rossa,
  • pesce,
  • frutta secca
  • verdure a foglia verde

Tutti questi sono alimenti che non devono mancare in tali soggetti, in quanto contribuiscono a rafforzare le ossa e a irrobustire il sistema immunitario. L'attività fisica regolare aiuta molto in quanto indirettamente irrobustisce il sistema immunitario. Un integrazione di vitamina D può essere utile, così come la fototerapia (lampade solari)