Prendendo le dovute precauzioni, si può evitare il jet lag

La sindrome da Jet lag è una condizione clinica caratterizzata da affaticamento, insonnia e irritabilità generalmente causata da viaggi aerei attraverso cambiamenti di fusi orari (mal d'aereo). Lo sviluppo della tecnologia e dei lunghi viaggi ha aumentato la incidenza del jet lag che è uno dei problemi di salute più comuni riportati da viaggiatori di lunghe tratte.

Cos'è il Jet Lag

I presupposti per la sindrome da Jet Lag sono legati ad una evidente alterazione del ritmo sonno-veglia per modifica repentina del fuso orario. Gli organismi viventi sono abituati a ciclici periodi di notte e di giorno con un ritmo sonno-veglia ben stabilito; gran parte degli ormoni regolatori del corpo umano seguono questo ciclo, noto come ritmo circadiano. Ogni sostanza chimica nel corpo ha un suo ciclo di alti e bassi, interagendo e influenzando gli altri cicli. La temperatura corporea, la sonnolenza, la funzione della tiroide, l'ormone della crescita (STH), i processi metabolici, la secrezione di ormoni surrenali, e la produzione di melatonina (ormone del sonno) hanno un loro ciclo regolato con la luce del giorno, anche per un collegamento diretto tra la retina (dove la luce colpisce la parte posteriore dell'occhio) e la parte del cervello che controlla la produzione e secrezione di tutti questi ormoni (la luce artificiale ha qualche effetto, ma la luce del sole ne ha molto di più).

Cause del Jet Lag

Il Jet Lag è causato dai lunghi viaggi attorno alla terra

Quando si viaggia attraverso diversi fusi orari, la maggior parte delle persone tende a ripristinare i propri ritmi nel giro di pochi giorni, a dimostrazione della grande capacità di adattamento della specie umana. Alcune persone, tuttavia, non riescono a recuperare i loro bioritmi. Il sintomo principale del jet lag è l’alterato sonno pattern-sonnolenza durante il giorno, e l'insonnia durante la notte.

Sintomi del Jet Lag

Talvolta possono esservi sintomi associati come la  cattiva digestione e problemi di concentrazione o di memoria (amnesie).

Trattamento del Jet Lag

In casi di insonnia a breve termine innescata da jet lag, un medico può raccomandare pillole o farmaci atti ad indurre il sonno (ipnotici) per un breve periodo. Talvolta possono essere utili integratori alimentari atti a stimolare la corretta produzione e secrezione di serotonina e melatonina. Esistono poi “terapie alternative”: occhiali da sole da jet lag dotati di un dispositivo di visione che utilizza la luce per stimolare il cervello dei viaggiatori, da indossare durante il viaggio (l’efficacia di occhiali o altri dispositivi luminosi oculari è comunque ancora incerto), farmaci “sperimentali” come l’agonista della melatonina (conosciuto come LY 156.735), che stimola l'attività di recettori delle cellule che normalmente sono stimolati da tali sostanze naturali come la melatonina; questo farmaco accelera i tempi di riadattamento di soggetti volontari a seguito di una simulazione di spostamento temporale di nove ore. Un'altra nuova area di ricerca riguarda i geni che codificano le proteine che regolano i ritmi circadiani, ma siamo nell’ambito, almeno adesso, della fantasia…

Precauzioni e rimedi per il Jet Lag

Sicuramente vi sono delle precauzioni da prendere per chi sa già di soffrire di questa sindrome o per chi non la vuole scoprire!

    Rimanere idratati durante un lungo viaggio, aiuta a prevenire la sindrome da jet lag

  • Rimanere idratati: bere molta acqua e succhi di frutta per prevenire la disidratazione, evitando bevande e alimenti contenenti caffeina o nervini in genere, ed alcolici in genere sono anche da evitare.
  • Seguire il fuso orario: può essere utile impostare orologi avanti al tempo nella città di destinazione per iniziare ad adeguarsi ai cambiamenti.
  • Dormire in modo intelligente: è utile iniziare a dormire seguendo le ore del fuso orario di destinazione, tappi per le orecchie e maschere di sonno possono essere utili in tal senso per bloccare il rumore e la luce. Molte compagnie aeree offrono questi articoli sui voli internazionali.
  • Mangiare una dieta ricca di proteine a basso contenuto di calorie prima del viaggio previsto può contribuire a ridurre gli effetti del jet lag.
  • Vestirsi comodamente: gli abiti comodi e le ciabatte renderanno più facile dormire durante il volo.
  • Stretching del viaggiatore

  • Allungare e camminare:  bisogna stimolare la circolazione sanguigna con il movimento. Stretching e camminare, sgranchirsi le gambe è utile.
  • Nel primo giorno di arrivo alla città di destinazione, è consigliabile passare più tempo possibile all'aria aperta alla luce del sole per ripristinare il proprio orologio biologico e ridurre i sintomi del jet lag.
  • Tutti gli antiossidanti aiutano a ridurre gli effetti del jet lag. Dosi extra di vitamine A, C, ed E, così come zinco e selenio, due giorni prima e due giorni dopo un volo, possono aiutare ad alleviare il jet lag.

Il Jet lag di solito dura 24-48 ore dopo il viaggio, un suo prolungamento va trattato come detto con farmaci.