FREMSLa Terapia Lorenz o FREMS Therapy (Frequency Rhythmic Electrical Modulation System) è una tecnica strumentale utilizzata in ambito riabilitativo, finalizzata al trattamento di patologie acute e croniche, di tipo ortopedico, vascolare o neurologico.

Definita in ambito scientifico come un “linguaggio terapeutico” di sequenze di impulsi elettrici modulabili biocompatibili generati da neuro stimolatori computerizzati e somministrati attraverso elettrodi transcutanei.

A differenza delle tradizionali elettroterapie le onde elettriche generate nella FREMS sono simultaneamente modulate in frequenza, ampiezza e durata, in grado quindi di interagire con i tessuti biologici, basandosi sulla teoria per cui le cellule scambiano informazioni tramite un complesso sistema di comunicazione basato sulla trasduzione di segnali elettrici ed eventi biochimici mediante il passaggio di ioni attraverso i canali della membrana cellulare.

Una malattia in genere altera il normale equilibrio elettrofisiologico cellulare ed una adeguata stimolazione elettrica , agendo direttamente sul sistema dei canali ionici trans-membrana, può indurre modificazioni funzionali di qualsiasi sistema cellulare/tessutale attraverso la modulazione della sua soglia di risposta e dunque variare il decorso di una malattia o il grado di dolore che essa può indurre.

Con la stimolazione elettrica, adattata per attraversare la cute e progettata con precise ritmiche e sequenze che variano in tempo e frequenza, la terapia di Lorenz, è potenzialmente in grado di interagire con i recettori cutanei (tatto, pressione, temperatura, dolore puntorio, chemiocettori) connessi a fibre ad alta velocità di conduzione, con le fibre nervose cutanee libere amieliniche (temperatura, dolore diffuso, mediatori dell’infiammazione e del metabolismo), con le fibre muscolari lisce (vasi e cellule mioepiteliali degli annessi ghiandolari) e con le fibre muscolari striate sottostanti al dipolo creato da una coppia di elettrodi.

I sostenitori della terapia di Lorenz identificano nella stessa dei vantaggi importanti, in termini di riduzione del dolore nel tempo (effetto antalgico), recupero funzionale con azione decontratturante e rivascolarizzazione dei tessuti, e l’effetto curativo sarebbe duraturo, senza effetti collaterali, permettendo, ove presente, di allontanare la necessità di eventuali interventi chirurgici o l’uso di farmaci per il trattamento del dolore.

Da quanto affermato, si può intuire che le applicazioni della FREMS spaziano nel campo della ortopedia e della riabilitazione (tendiniti, pubalgia, artrosi, contratture), della reumatologia (fibromialgia, artrite reumatoide, eccetera), della neurologia (sciatalgia, nevriti, cervicobrachialgie, tunnel carpale, eccetera), delle malattie cardiovascolari (arteriopatie periferiche, ulcere cutanee croniche, stasi venose, claudicatio intermittens), della dermatologia (acne, psoriasi, ulcere e piaghe, edemi e linfoedemi, eccetera).

Il numero delle sedute di FREMS, e la loro frequenza, variano in base alla patologia, alla concomitanza di altri fattori patologici associati, e tali applicazioni non presentano alcuna controindicazione fatto salvo per patologie associate ben precise: non può essere applicata a pazienti affetti da patologia neoplastica (tumori), pazienti portatori di pacemaker, o con defibrillatore o neuro stimolatore, donne in stato di gravidanza, pazienti con ipertermia o infezioni in corso, pazienti con pregressi eventi di crisi epilettiche.