Pupazzo che fa la pipì

 

La fimosi peniena è una condizione in cui il prepuzio del pene, la cute che ricopre il glande, estremità dell'organo genitale maschile, è troppo stretto, impedendo di fatto dal punto di vista meccanico di coprire il glande stesso.

La fimosi peniena è una condizione molto comune

Questa condizione è più comune di quanto si pensi tra i maschietti e nella gran parte dei casi non causa problemi e non è necessario prendere provvedimenti. Esiste infatti anche la condizione di fimosi fisiologica presente alla nascita che spesso si risolve senza intervento, infatti gran parte dei bambini non ha un prepuzio completamente retrattile alla nascita, ma con la maturazione questa capacità elastica si acquisisce già nella prima adolescenza.

Si deve parlare di fimosi patologica quando essa è nei bambini tale da impedire la scopertura completa del glande, inducendo disturbi legati prevalentemente alla difficoltà di una corretta igiene in sede (la stagnazione di urina può causare balaniti e balano-postiti), o se negli adulti viene causata da cicatrici o pregresse infezioni locali (balaniti). Nei casi più gravi la fimosi può divenire causa di ostruzione del flusso urinario, inducendo anche ematuria (sangue nelle urine) e dolore, e questo può richiedere un intervento chirurgico per alleviare i sintomi rimuovendo la fimosi stessa.

Come si rimuove la fimosi peniena?

La circoncisione è l'intervento chirurgico che rimuovendo la fimosi permette un recupero funzionale completo. Difficoltà o dolore durante la minzione, erezione dolorosa, ricorrenti infezioni locali (balaniti), parafimosi (condizione che si verifica quando il prepuzio viene retratto dietro il glande e non può essere riportato nella sua posizione originaria, condizione che può essere un'emergenza urologica in quanto il flusso sanguigno viene ridotto al pene delle ghiandole sono dunque i disturbi della fimosi patologica che devono indurre ad un trattamento medico.

Il trattamento dipende dall'età del maschio, dalla gravità e dai sintomi che ne derivano. La prima scelta è rappresentata da una terapia topica, con applicazione locale di un unguento steroide (cortisone) capace nel 75% dei casi di risolvere il problema in quanto lo steroide localmente ammorbidisce il prepuzio favorendo la retrazione completa. in genere la applicazione deve essere costante, mattina e sera, per almeno quattro-sei settimane. se al termine del trattamento i disturbi persistono e la fimosi non è stata riassorbita in modo soddisfacente, la circoncisione rappresenta l'estrema ratio risolutiva.