Ragazza con la pelle cosparsa di Olio di Moringa

Nel comune parlare, l’albero di moringa oleifera viene anche definito "albero miracoloso"; la definizione è di certo eufemistica, ma non vi è dubbio che i prodotti alimentari da esso derivati hanno delle qualità notevoli.

Cos'è la Moringa

La moringa è una pianta della famiglia delle Moringaceae, molto diffusa nelle zone tropicali ed equatoriali del pianeta, che può raggiungere i dieci metri di altezza, caratterizzata da fiori bianchi e foglie di colore verde smeraldo. Il contenuto delle foglie e dei semi in termini alimentari è notevole, tant’è che in tutto il mondo essa è nota come essere molto utile per la prevenzione dello stato di salute.

Caratteristiche della pianta di Moringa

Influenza

Della pianta si può usare tutto, dai fiori, alle foglie, al tronco, ma sono le foglie il componente con elevato potere nutrizionale.

Le foglie di moringa oleifera sono ricche di vitamine, proteine e sali minerali (hanno più potassio delle banane, il doppio circa, e otto volte in più di vitamina C; la foglia contiene poi vitamina A, vitamina E, vitamina K e vitamine del gruppo B), possono essere consumate crude nelle insalate, o cotte. Appare dunque evidente che l’integrazione vitaminica è garantita ampiamente! Dai semi di moringa invece, si ottiene un olio che ancora oggi è oggetto di studio poiché si è verificato che non rischia di irrancidirsi, ed una pasta residua dall’elevato contenuto proteico che presenta tutti gli aminoacidi necessari al nostro organismo per il corretto funzionamento (18 aminoacidi e 9 aminoacidi essenziali).

Dall’analisi chimica dei prodotti derivati dall’albero di moringa si sono poi evidenziati alti contenuti di antiossidanti e anti-infiammatori naturali, capaci di regolamentare l’intestino, l’equilibrio ormonale, la salute della cute, ed il sistema immunitario. Non sono poi da sottovalutare le proprietà afrodisiache dei frutti della moringa: i frutti vengono consumati dopo la bollitura dei loro baccelli, conosciuti con il nome di "mazze da tamburo".

Anche su questo fronte la scienza biochimica alimentare sta cercando di capire quali sono i componenti capaci di ottenere questo effetto.  In ogni caso è l’olio di moringa (dal vago gusto nocciolato) ad oggi l’oggetto del contendere delle industrie alimentari.

Come si usa l'Olio di Moringa?

L’olio di semi di Moringa è chiaro e inodore, ricco di numerosi antiossidanti, ricercato per una serie di applicazioni nel campo della estetica. Utilizzabile come olio di cottura, piccole quantità di olio sono spesso usate nelle ricette che richiedono un ricco sapore di nocciola, come i piatti saltati in padella e marinati. Utilizzabile anche come condimento per le verdure, insalate e altri piatti verdi, l’olio di Moringa è utilissimo nel trattamento della cute. Con un impressionante contenuto di acido oleico, l’olio di Moringa penetra in profondità nella pelle, fornendo nutrienti vitali e anche aiutando la pelle ed i capelli a trattenere l'umidità. Sembra che l’olio di Moringa sia in grado di ridurre le rughe e di rimuovere le imperfezioni della pelle, tant’è che si trova addizionato ai migliori idratanti e a creme anti-invecchiamento. Il regolare massaggio con questo olio può aiutare a ridurre le doppie punte e la forfora, a ridurre l’acne e a lubrificare la pelle rovinata da dermatite o screpolature.