Bolle d'aria che da sott'acqua salgono in superficie.

Il mondo acquatico affascina e gli sport sotto acqua, agonistici e non, si diffondono sempre di più, dalla pesca sportiva in apnea, al semplice corso di apnea, alla esplorazione del mondo subacqueo con autorespiratore (A.R.A.).

Aumentando la curiosità e gli amanti del mondo sommerso, aumentano però il numero di incidenti sportivi che talora possono essere anche mortali. Una buona parte di questi incidenti che coinvolgono gli amanti delle immersioni sono incidenti dovuti alla respirazione di gas in iperbarismo.

Cos'è la patologia da decompressione

Si definiscono con l’acronimo PDD (patologia da decompressione) le seguenti condizioni cliniche:

  • Narcosi d’azoto
  • Tossicità dell’ossigeno
  • Affanno
  • Contaminazione da monossido di carbonio

Le diverse tipologie di Patologia da decompressione

La Patologia da decompressione (PDD)  viene classificata in base alla sintomatologia, in forme lievi di patologia da decompressione (Cutanea, Articolare, Linfatica) e forme gravi di patologia da decompressione (Polmonare, Cerebrale, Midollare, Labirintica). Le cause di una patologia da decompressione sono sostanzialmente due:

MDD - Detta malattia da decompressione, è determinata dall’embolizzazione del sangue venoso e dei tessuti da insufficiente decompressione. La causa che genera questo fenomeno di formazione di emboli è dato dal ritorno in forma gassosa dell’azoto che si è disciolto nei tessuti dell’organismo per la respirazione di aria in ambiente iperbarico.

EGA - Detta embolia gassosa arteriosa, rappresenta l’embolizzazione del sangue arterioso con conseguente coinvolgimento di organi bersaglio. Cause che possono generare questa condizione sono:  il barotrauma polmonare,  la immersione in apnea dopo A.R.A., la presenza di forame ovale pervio a livello cardiaco.

Nelle forme lievi di Patologia da decompressione, i sintomi sono Prurito, Dolore articolare, Edemi localizzati sugli arti, nelle forme gravi i sintomi sono diversi (Tosse, Dispnea, Cefalea, Disturbi della vista e dell’udito, Deficit sensitivo-motori, Vertigini).

Come intervenire?

Tempestività e adeguatezza del primo intervento sono fondamentali nel trattamento della PDD che si cura sottoponendo il soggetto colpito a ricompressione terapeutica in camera iperbarica secondo opportune tabelle. Alcuni punti sono essenziali per poter apportare un primo soccorso:

  • riconoscimento dell’emergenza
  • chiamata dei soccorsi (telefonare al 118)
  • riabilitazione cardiopolmonare (BLS), se necessario
  • disporre il soggetto colpito in condizioni di confort
  • idratazione del soggetto colpito
  • somministrazione di ossigeno

Insomma, conoscere i rischi, fare immersioni consapevolmente, magari guidati da personale esperto, consente di evitare problemi seri e di divertirsi in sicurezza.