persona colpita in viso da Lupus Eritematoso Sistemico (LES)Il Lupus Eritematoso Sistemico (LES) è una malattia la cui genesi non è ancora ben definita, anche se molte ipotesi valide sono state fatte in cui si verifica il deposito nei tessuti e nelle cellule di auto-anticorpi ed immunocomplessi patogeni che progressivamente determinano dei danni.

Fattori genetici, ambientali ed ormonali sessuali paiono concorrere nella predisposizione alla malattia che si caratterizza per l'alternanza di esacerbazioni e relative remissioni.

I sintomi caratteristici sono tanti:

  • Ipostenia, astenia;
  • Febbre;
  • Sensazione diffusa di malessere;
  • Perdita di peso;
  • Eruzioni cutanee (la più caratteristica è l’eritema a farfalla);
  • Fotosensibilità;
  • Ulcere orali;
  • Miosite ed artrite;
  • Alopecia;
  • Anemia con neutropenia e trombocitopenia;
  • Linfadenopatia e splenomegalia;
  • Pleuriti e pericarditi;
  • Psicosi e convulsioni;
  • Nefriti e polmoniti;
  • Trombosi venose ed arteriose;
  • Sindrome secca;
  • Ipersensibilità a farmaci come idralazina, isoniazide e procinamide.

Una buona anamnesi (raccolta di informazioni), indagini appropriate specie del sangue e delle urine possono indirizzare verso certa diagnosi, in cui almeno quattro criteri vanno definiti.

Importanti sono i dosaggi di:

  • * Ig sieriche
  • * Autoanticorpi antinucleo e sottotipi
  • * Dosaggio del complemento
  • * VDRL
  • * PT
  • * PTT

Terapie specifiche per il Lupus Eritematoso Sistemico non ne esistono; il trattamento terapeutico è finalizzato al controllo della infiammazione con cocktail di farmaci vari tra loro:

  • Antinfiammatori non steroidei;
  • Steroidi (cortisone e derivati);
  • Farmaci citotossici ed immunosoppressivi;
  • Farmaci biotecnologici.

Studi recenti confermano che una regolare attività fisica di tipo aerobico e uno stile di vita sano e avulso il più possibile da fattori di stress riduce in modo significativo il numero di recidive della malattia del Lupus Eritematoso Sistemico (LES).