Dottore che scrive un certificato medicoIl certificato medico è un atto con il quale un medico attesta per un soggetto “concetti di validità, capacità e idoneità”, che in medicina legale possono essere sinteticamente illustrati con le parole di Gerin (1954) ed aggiornati con Rodriguez (1991):

  1. Validità: espressione dell’integrità biologica e cioè dell’efficienza psicosomatica allo svolgimento di qualsiasi attività;
  2. Capacità: si fonda su presupposti biologici e attitudinali, cioè sulla propensione a svolgere una determinata attività lavorativa;
  3. Idoneità: validità del soggetto in riferimento ad una specifica attitudine lavorativa. Individuo valido è un soggetto psicosomaticamente, integro, pronto (fisicamente, psichicamente e spiritualmente) ad intraprendere qualsiasi attività lavorativa;
  4. Coincidenza di significato tra salute e validità. Concetti di validità, idoneità, capacità e abilità sono sviluppati nell' ordine seguente:
    • Validità: integrità biologica ( idoneità psicofisica);
    • Idoneità: validità a compiere una determinata attività lavorativa o extralavorativa;
    • Correlazione tra livello di efficienza psicofisica e lavoro da svolgere;
    • Idoneità specifica correlata al profilo della mansione,che implica la capacità e la propensione a svolgere il lavoro (qualità innate,preparazione e formazione teorico-pratica);
    • Abilità: particolare bravura-perizia,destrezza nello svolgimento di una data attività. I criteri generali sono validi per tutti i tipi di certificato medico, tuttavia esistono certificazioni specifiche, esplicitamente volte ad attestare una condizione di interesse medico cui si ricollegano direttamente conseguenze di rilevanza giuridica e/o amministrativa. Per queste specifiche certificazioni sono richiesti medici specifici, figure professionali per qualifica e disciplina esercitata, che vengono di volta in volta indicati dalla legge. Per avere una idea delle decine di certificazioni specifiche che un soggetto può richiedere, si enuclea un elenco basato sula qualifica giuridico-professionale del medico che certifica.

Certificati rilasciati da medici appartenenti alla Pubblica Amministrazione - Sono le certificazioni più richieste, atte ad attestare il possesso da parte del richiedente di requisiti psicofisici tali da renderlo idoneo all’esercizio di una particolare attività (in genere al lavoro). È un certificato che può compilare solo un medico con rapporto di dipendenza da un Ente pubblico (in linea generale ASL o Azienda Ospedaliera) in qualità di pubblico ufficiale.

Certificato di idoneità alla guida di autoveicoli - Il DLgs 30 aprile 1992, n.285 (Nuovo Codice della Strada),il DPR 16 dicembre 1992, n.495, con modifiche ed integrazioni (DPR 26 aprile 1993,, artt.26 e 28 DPR 495/1992”; DLgs 10 marzo 1993, n.360; DPR 19 aprile 1994, n.575) fissano i requisiti fisici e psichici per il conseguimento, la revisione o la conferma della patente di guida, che sono confermati da medico di struttura pubblica (Servizi di Medicina Legale delle ASL o strutture delegate), dunque un medico ospedaliero che come pubblico ufficiale può certificare l’idoneità alla guida con si seguenti documenti da allegare: certificato del medico di famiglia anamnestico che escluda la sussistenza di malattie o infermità pregiudizievoli all’idoneità alla guida e indichi eventuali precedenti morbosi (ad oggi si può accettare per legge anche una autodichiarazione del paziente richiedente, anche se è contestato. Nei casi in cui sussistano una o più affezioni morbose importanti, ovvero “nei casi dubbi”, la norma demanda il giudizio d’idoneità alla competenza delle Commissioni Mediche Locali di cui all’art.119, comma 4, del NCdS.

Certificati d’idoneità psicofisica al porto di fucile per uso di caccia e al porto d’armi per uso difesa personale – Questo certificato, ai sensi del Decreto del Ministero della Sanità del 14 settembre 1994 e del Decreto Ministero della Sanità del 28 aprile 1998 è effettuato da medici di “uffici medico-legali e distretti sanitari delle unità sanitarie locali o alle strutture sanitarie militari e della Polizia di Stato”, con requisiti similari a quelli per l’idoneità per uso di autoveicoli.

Certificati d’idoneità psicofisica al conseguimento/rinnovo delle patenti nautiche - Questo certificato da redigere su specifica modulistica, ai sensi dell’art.5 DPR 9 ottobre 1997, n.431 è rilasciato dall’ufficio medico-legale della ASL, ovvero dai Distretti Sanitari di Base, o da figure professionali appartenenti al ruolo medico nell’Amministrazione dello Stato (medici del Ministero della Sanità, medici militari in servizio permanente effettivo, della Polizia di Stato ecc.).

Certificato per l’esenzione dall’obbligo delle cinture di sicurezza - Anche questo certificato è rilasciato da medici operanti in dall’ufficio medico-legale della ASL, ovvero dai Distretti Sanitari di Base, o da figure professionali appartenenti al ruolo medico nell’Amministrazione dello Stato (medici del Ministero della Sanità, medici militari in servizio permanente effettivo, della Polizia di Stato eccetera; art.172 NCdS, modificato dall’art.89 DLgs 390/1993).

Certificato per il rilascio del contrassegno invalidi - Anche questo certificato è rilasciato da medico in qualità di pubblico ufficiale operante in Ufficio Medico-Legale della ASL; per il rinnovo dell’autorizzazione, che ha validità di 5 anni, è sufficiente invece la certificazione del “medico curante” che confermi la persistenza delle condizioni che dettero luogo al rilascio.

Certificato per la cessione del quinto dello stipendio - Di questi tempi è molto richiesto, serve alle persone per ottenere un prestito rimborsabile da parte di dipendenti iscritti all’INPS o ad altre casse pensioni (Legge 19 ottobre 1950, n.1224;Legge 4 gennaio 1968, n.15), ed è rilasciato da medici del Settore di Medicina Legale, operanti in ASL o strutture pubbliche, in qualità di pubblico ufficiale, che deve appunto attestare lo stato di buona salute del soggetto.

Certificato per l’anticipazione del trattamento di fine rapporto - è un certificato analogo al precedente, dunque trascrivibile solo da medici legali in qualità di pubblico ufficiale incaricato di pubblico servizio, che serve ad un dipendente per ottenere anticipazioni sul trattamento di fine rapporto per spese sanitarie (terapie e grandi interventi chirurgici), in cui il medico legale attesta un giudizio sulla necessità e la straordinarietà delle cure, nonché la congruità dei costi rispetto a preventivi di spesa per cure (ad esempio per cure odontoiatriche).

Se ti è piaciuto l'articolo o lo ritieni utile, lascia un commento o poni la tua domanda tramite l'appoisto spazio sottostante.

Leggi anche: