un piatto di alghe da mangiareI cibi alternativi esistono, basta conoscerli. La biotecnologia alimentare è oggi una realtà e nelle nostre tavole da cucina possiamo portare di tutto; certo, i difensori della dieta mediterranea possono essere contrari, ma i palati sono tanti, viviamo in un mondo libero, e dunque a tavola possiamo sederci e mangiare cosa vogliamo.

Verranno elencati di seguito una serie di alimenti (cibi alternativi) ad oggi molto presenti nella nostra alimentazione, ed i vantaggi derivanti dall'uso di essi.

Elenco cibi alternativi:

  • Olio di soia: derivato dalla spremitura degli omonimi semi, è particolarmente ricco di acidi grassi polinsaturi ed ha un ruolo protettivo nella prevenzione dello stato di iperlipoproteinemia e nelle carenze di acido linolenico
  • Alghe: di facile coltivazione, rapido accrescimento e riproduzione, anche se antieconomiche, rappresentano tra i vegetali quelli a più alto contenuto proteico, con alte quantità di vitamina A, B1 e C. Inoltre possiedono l’acido alginico e gli alginati, che hanno un forte potere detossificante, in quanto chelano metalli pesanti come mercurio, piombo, arsenico, cobalto e cesio. Sono in atto considerati un valido alimento, ottimo come integratore alimentare, a basso contenuto calorico, e con un buon impatto sulla salute e prevenzione dello stato di salute dell’uomo. Bisogna però saperle cucinare…
  • Lecitina di soia: presente nel fagiolo della soia, è un fosfolipide che previene la degenerazione del sistema nervoso e dell’apparato cardio-vascolare in quanto previene l’accumulo di colesterolo nel sangue e ne riduce la sua presenza nelle arterie, fluidificando il sangue; usato dalle industrie come emulsionante, è oggi acquistabile per integrare l’alimentazione giornaliera.
  • Crusca di soia: ottenuta dalle fibre del guscio del fagiolo di soia, come quella del grano, non è digeribile e assimilabile dall’organismo e dunque, aumentando la velocità di transito degli alimenti nell’intestino, riduce l’assorbimento delle calorie alimentari ingerite. È molto usata nelle diete e da chi ha problemi di stitichezza
  • Edulcoranti: si chiamano così tutte quelle sostanze che hanno il potere di dolcificare. Usate nell’industria ed in campo dietetico, si raccolgono in due gruppi:
    1. edulcoranti di natura non glucidica (ad esempio l’aspartame);
    2. edulcoranti di natura glucidica (sorbitolo, mannitolo, xilitolo).
    Queste sostanze hanno la caratteristica di un forte potere dolcificante, di gran lunga superiore allo zucchero semplice, in assenza di potere calorico. Da qui il loro uso nelle diete ipocaloriche.
  • Alimenti privi di glutine: usati per la cura del morbo celiaco, ad oggi il loro uso si è esteso anche a persone che non soffrono di tale patologia in quanto, essendo a ridotto potere calorico, tali alimenti possono essere di aiuto per chi ha sempre tanta fame e non vuole rinunciare all’abbondanza.

I cibi alternativi sono una valida scelta in sostituzione ai cosidetti cibi classici, siano essi assunti per necessità di salute o per adottare un regime alimentare più sano, spesso sono la soluzione vincente a molte situazioni particolari.