Genetica e saluteMantenersi in salute è uno dei principali obiettivi di tutti noi. Ecco come un test genetico può fornire un valido aiuto per raggiungere questo obiettivo. L’ultima Relazione sullo Stato Sanitario del Paese, pubblicata lo scorso anno dal Ministero della Salute, ha confermato che, in Italia, le prime due cause di morte sono le malattie cardiovascolari e i tumori: le patologie a carico del sistema circolatorio e le varie forme di cancro spiegano da sole il 70% dei decessi avvenuti nel 2008.

Diffuse nella popolazione sono anche le malattie del metabolismo, primo fra tutte il diabete: nel 2010 risultavano diabetici circa 3 milioni di italiani (il 4,9%), e il trend è in continua crescita. La condizione cronica più diffusa tra gli italiani, però, è rappresentata dalle malattie reumatiche e osteoarticolari, specialmente per quanto riguarda le donne: soffre di artrite/artrosi il 17,3% della popolazione, e di osteoporosi il 7,3%. Ma cosa accomuna tutte queste patologie più o meno invalidanti, che colpiscono con frequenze così elevate? La risposta è che sono tutte malattie multifattoriali poiché non sono scatenate da una singola causa, ma si manifestano in conseguenza di una serie di fattori, siano essi genetici o ambientali.

Le persone che, dal pnto di vista genetico, sono maggiormente predisposte ha sviluppare questo tipo di malattie, risentono maggiormente degli effetti negativi sulla salute indotti ad esempio dal fumo di sigaretta, da uno stile di vita sedentario cosi come da una alimentazione sbilanciata. L’adozione di uno stile di vita sano e di un’alimentazione equilibrata può certamente aiutare nel prevenire alcune di queste malattie. Ma c’è un’altra buona notizia: è possibile fare molto più di questo, e mettere in pratica delle strategie preventive ancora più efficaci. Ogni essere umano è diverso dagli altri, e gran parte di queste differenze ha origine nel nostro DNA: sono i geni a determinare sia come siamo fatti sia il modo in cui funziona il nostro organismo.

Per questo motivo, ad esempio, ogni individuo ha i propri bisogni nutrizionali, così come una maggiore o minore necessità di fare esercizio fisico. Gli esperti hanno messo a punto dei particolari test genetici che consentono di svelare i nostri bisogni individuali, e di offrire strategie di prevenzione ancora più efficaci di quelle normalmente consigliate per la popolazione generale, semplicemente perché si tratta di strategie personalizzate, in quanto derivanti dall'analisi del nostro stesso profilo genetico. Dando al nostro organismo ciò di cui ha bisogno, nelle precise quantità che realmente gli servono, possiamo mantenerlo in forma più a lungo, prevenendo ad esempio le malattie cardiovascolari. Seguire uno stile di vita scorretto o negare al nostro corpo le sostanze nutritive di cui ha bisogno nella giusta quantità, potrebbe tradursi nella comparsa, a lungo termine, di alcune malattie.

Per impedire tutto ciò è sufficiente assecondare le richieste dell’organismo, che sono codificate nel nostro DNA in attesa di essere svelate. Infatti, attraverso un'analisi del DNA e la compilazione di un questionario che descrive il nostro stile di vita, test genetici creati ad hoc sono in grado di fornire indicazioni personalizzate di grande importanza per il mantenimento della nostra salute.

Per maggiori informazioni: www.sorgentegenetica.it