Pancia piattaDimagrire la pancia!!! Desiderio ovvio alle porte dell'estate. Un sistema dietetico molto usato è quello della dieta dissociata, che classicamente consente di dimagrire la pancia (in termini di centrimetri vita) molto rapidamente.

Le regole della dieta dissociata sono fondate su basi scientifiche che prospettano una dieta piuttosto semplice e completa, consentendo altresì un'alimentazione variata.

Descritta nel 1931 dal Dottore William Howard Hay, e nota appunto anche come dieta Hay o food combining, che ha come padri i dottori William Howard Hay e Herbert Shelton, che introdussero separatamente i concetti della corretta associazione degli alimenti nei primi decenni del novecento, la dieta dissociata si basa sul principio di non associazione di alimenti che richiedono processi digestivi diversi ed il cui accoppiamento determinerebbe un rallentamento della digestione capace di compromettere aumentandolo l'assorbimento dei nutrienti.

La dieta dissociata per fare dimagrire la pancia prevede un consumo dissociato di proteine e carboidrati, la suddivisione dei cibi durante il corso della giornata a seconda della tipologia, l’assunzione di almeno tre pasti, a quattro ore circa di distanza l'uno dall'altro durante i quali o nei venti minuti che li  precedono e seguono non si devono assumere liquidi per non diluire i succhi gastrici, le proteine vanno consumate solo una volta al giorno, senza superare il 20% del regime alimentare, e le verdure crude non vanno assunte a cena perché difficili da digerire. La base teorica della dieta dissociata è l'analisi dei meccanismi digestivi degli alimenti:

  1. la digestione delle proteine è favorita da un ambiente acido;
  2. la digestione dei carboidrati è favorita da un ambiente basico.

La compresenza di carboidrati e proteine determinerebbe un livello di acidità insufficiente per le proteine ed eccessivo per i carboidrati. Le basi scientifiche e l’efficacia della dieta dissociata sono controverse e molti del mondo accademico la criticano, anche se gli “adepti” sono tanti. È generalmente sconsigliata dagli specialisti perché può essere dal punto di vista nutrizionale squilibrata se non si è attenti a variare i menù giornalieri in modo da assumere tutti i nutrienti. In questo tipo di dieta (la più famosa e condivisa in tutto il mondo è la dieta dissociata di Michael Montignac) in modo semplice i dietologi distinguono tre categorie di cibi:

  • carboidrati o zuccheri (pane, pasta, riso, legumi, patate, dolci, biscotti)
  • proteine (carne, pesce, uova, formaggi, insaccati)
  • cibi neutri (verdure, oli, spezie, frutta)

In uno stesso pasto, non devono mai associarsi un alimento appartenente al gruppo dei carboidrati con uno appartenente a quello delle proteine, mentre le verdure possono essere consumate liberamente.

Leggi anche: Dimagrire la pancia. Seconda Parte