Piante di Ma Huang

Il termine Ma Huang è poco noto, ma in campo scientifico ed in ambito orientale, il termine è ampiamente conosciuto ed indica un integratore che alle cronache italiane è giunto ai più a seguito della partita di calcio Italia-Corea del Sud (ct italiano era il mitico Trapattoni), nel mondiale di calcio effettuato proprio nella corea del Sud.

Ecco perchè la l'Italia perse contro la Corea del Sud!

L’Italia allora fu eliminata, anche per colpa di qualche discutibile scelta arbitrale (famigerato l’arbitro Moreno), ma la Corea del Sud fece la sua parte e la fece molto bene: aggressiva, corsa continua, pressing. C’erano momenti in cui la Corea del Sud pareva l’Italia! Vi fu un gran parlare di quella Corea del Sud, che trovò in questo integratore un contributo nella resa sportiva non indifferente.

Il Ma huang viene anche chiamato efedra, uva di mare, cavallo giallo, astringente giallo, abete comune, tè squaw, Mormon tè, Popotillo e tè di carrettiere.

Cos'è il Ma Huang?

Il Ma huang è un'erba cinese, scoperta dagli appassionati di erbe occidentali venticinque anni fa e convertita industrialmente in uno stimolante energetico, un integratore capace di esaltare ed aumentare l’aggressività, di ridurre il senso della fame e di favorire la perdita di peso.

Quali sono le proprietà mediche del Ma Huang

Nella medicina orientale, il ma huang è usato per favorire la sudorazione regolando di fatto l’equilibrio idrico dell’organismo (utile nei linfedemi e nella ritenzione idrica), dilatare i polmoni nelle patologie restrittive (asma, enfisema, BPCO); il ma huang poi aumenta la resistenza alle infezioni batteriche e virali, aiuta a contrastare le sindromi freddo-correlate (vasospasmi, geloni, sinusiti, riniti, eccetera), contrasta i dolori articolari da malattie degenerative.

Di tutte le prescrizioni che contengono ma huang registrate nei testi antichi, la formula che viene più frequentemente usato in tempi moderni è la Xiao Qinglong Tang detta anche Minor Blue Dragon Combination, un decotto di nove grammi ciascuno di ma huang, ramoscello di cannella, zenzero secco, Asarum, schizandra, peonia, pinellia, e liquirizia cotta.

Questo decotto sarebbe capace di attenuare tutti i quadri clinici correlabili a sovraesposizione a freddo ed umidità. Il ma huang dunque nasce con l’obiettivo primario di risolvere i problemi del metabolismo dell’acqua e di eventuali fluidi congestionati: tosse con febbre, faringotracheiti, mal di testa, brividi intensi, vertigini, bronchiti, rinite allergica, pertosse, dilatazione bronchiale, asma polmonare, cirrosi renale (infiammazione interstiziale), gonfiore a causa di nefrite primaria, e raffreddore accompagnato da tosse e gonfiore, congiuntivite, infiammazione delle vie lacrimali, edema periorbitale e lacrimazione, artrite edematosa sono alcune delle malattie curabili con il ma huang.

Anche se il dosaggio di ma huang in questa prescrizione è alta, fino a 9 grammi al giorno (corrisponde ad un dosaggio di efedrina di circa 60 mg/die), la letteratura cinese non prevede avvertimenti circa la sua sicurezza, nemmeno eventuali precauzioni sull'utilizzo in persone di debole costituzione, tranne che per l'uso a lungo termine.

La medicina cinese in tal senso è chiara: il suo uso non deve essere continuato, perché alla lunga può indebolire il corpo. Vi è poi la formula Yang He Tang (Cannella e Rehmannia Combination), adottata per l'uso moderno nel trattamento cisti ovariche; il ma-huang in questa formula apre interstizi e pori e aiuta a decongestionare i tessuti, dunque è usata nella dismenorrea, nella tromboangite obliterante, nella suppurazione asettica, nella tubercolosi linfatica, nella malattia articolare tubercolare, nella osteomielite cronica, nella malattia fibrocistica polmonare, e nel trattamento del mal di schiena.

Per questo ultimo punto, la letteratura scientifica occidentale si è ampliata: sempre più studi medici indicano il ma huang curativo per malattie articolari traumatiche o degenerative, specie nella combinazione con cannella e zenzero.

Quali sono i benefici del Ma Huang?

I benefici, quando l'erba è usata correttamente, possono superare i rischi, soprattutto quando la formula è prescritta da un professionista sanitario. E qui cade l’asino: ad oggi è un integratore, ma il ma huang (efedra), che ribadisco è stato spesso segnalato per i suoi effetti dimagranti e drenanti (aumenta il metabolismo), inibendo il senso della fame, e per la possibilità di aumentare le capacità prestazionali sportive (aumento della resistenza e innalzamento della soglia di fatica, riduzione della produzione di lattato) ha degli effetti collaterali che vanno considerati specie quando l’uso è procrastinato nel tempo.

Ci sono effetti collaterali o controindicazioni nell'uso del Ma Huang?

E’stato segnalato capace di causare gravi, anche mortali, effetti collaterali, come infarto, ictus, aritmie e morte improvvisa. Il Ma Huang non è raccomandato per l'uso da parte di persone con malattie cardiache, con ipertensione, che abbiamo asma o diabete, insonnia o disturbi dell’umore, glaucoma, malattie renali e malattie epatiche, ipertiroidismo, problemi alla prostata, ritenzione urinaria o convulsioni.

Non ci sono informazioni disponibili riguardanti l'uso di Ma Huang da parte dei bambini, ma in ogni caso come indicazione generale, si consiglia di smettere di prendere il prodotto e rivolgersi ad un medico se si verificano reazione allergica, difficoltà respiratorie, gonfiore delle labbra o della lingua, dolore al torace o battito cardiaco irregolare, aumento della pressione sanguigna, alterazioni della personalità, pensieri di suicidio, dolore o difficoltà di minzione, respiro rapido o turbato, eruzioni cutanee, mal di stomaco, vomito; ingiallimento della pelle o degli occhi.

Queste indicazioni sono importanti e fanno capire come in presenza di una molecola come questa, sia necessaria una opportuna valutazione medica, specie se il prodotto si vuole assumere per le finalità di cui si è detto.