Diastasi MuscolareCon il termine diastasi muscolare si indica un anomalo allontanamento di masse muscolari che comunemente sono congiunte tra esse attraverso tessuti “cerniera” costituiti da tessuto connettivo.

E’ dunque una patologia non grave del tessuto muscolare, la cui causa è in genere determinata da un deterioramento con progressivo indebolimento di questi tessuti cerniera: la più comune diastasi è quella dei muscoli retti dell’addome, che si allontanano tra loro per cedimento della linea mediana, tessuto fibroso che prende il nome di linea alba.

Questo tessuto può nel tempo cedere, i muscoli retti si distanziano tra loro e si crea un varco, conseguente alla diastasi, che consente ai visceri intestinali di insinuarsi, creando un vero e proprio “bozzo” al centro dell’addome, evidente quando i muscoli addominali vengono contratti.

Molti elementi possono favorire una diastasi muscolare, in particolare dei retti dell’addome, contribuendo all’indebolimento della linea alba:

  • l’obesità ed il sovrappeso viscerale in genere
  • una intensa attività fisica che aumenta la pressione addominale
  • una o più gravidanze
  • malattie che inducono vomito intenso o tosse cronica o stipsi cronica

In presenza di una diastasi dei retti addominali, due sono le tipologie di intervento:

  • intervento incruento: contenimento della diastasi attraverso l’uso di panciere o fasce elastiche che, premendo sulla regione addominale, evitano che la pressione addominale continui ad allontanare i muscoli retti addominali. La diastasi permane ma non si aggrava
  • intervento cruento: si agisce, in genere per motivi estetici, attraverso un intervento chirurgico, per la ricostruzione della linea alba e la correzione chirurgica della diastasi consente una restituito ad integrum che comunque non garantisce dalle recidive.