Miss diabete che sfila

Il diabete insulino - dipendente, noto anche come diabete giovanile o diabete di tipo 1, è una condizione cronica in cui il pancreas, una ghiandola interna dell’organismo, non riesce a produrre in quantità necessaria un ormone fondamentale (insulina) per consentire allo zucchero (glucosio, una fonte principale di energia per le cellule che compongono i muscoli e altri tessuti) assunto con l’alimentazione di entrare nelle cellule per produrre energia.

Quali sono le cause del Diabete insulino - dipendente?

La causa esatta del diabete insulino - dipendente è sconosciuta, nella maggior parte delle persone con diabete giovanile, il sistema immunitario del corpo - che combatte normalmente batteri e virus pericolosi - distrugge erroneamente le cellule produttrici di insulina nel pancreas. La genetica può giocare un ruolo in questo processo, e l'esposizione a determinati fattori ambientali, come virus, può scatenare la malattia. Una volta che un numero significativo di cellule insulari sono distrutte, lapoca insulina circolante non consente l’assorbimento del glucosio che resta in circolo, si accumula nel sangue, dove può causare complicazioni mortali. Sebbene il diabete di tipo 1 di solito appare durante l'infanzia o l'adolescenza, può tuttavia anche iniziare in adulti. Alcuni fattori di rischio noti per il diabete di tipo 1 sono:

  • Storia familiare. Chiunque con un genitore o un fratello con diabete di tipo 1 ha un leggero aumento del rischio di sviluppare la malattia.
  • Genetica. La presenza di alcuni geni indica un aumento del rischio di sviluppare il diabete di tipo 1.
  • Geografia. L'incidenza del diabete di tipo 1 tende ad aumentare, come si viaggia lontano dall'equatore. Le persone che vivono in Finlandia e in Sardegna hanno la più alta incidenza di diabete di tipo 1, circa due o tre volte superiori ai tassi negli Stati Uniti e quattrocento volte l'incidenza tra le persone che vivono in Venezuela.
  • Età. Sebbene il diabete di tipo 1 possono comparire a qualsiasi età, appare in due picchi notevoli. Il primo picco si verifica nei bambini tra i 4 ei 7 anni, e la seconda è in bambini tra i 10 ei 14 anni.

Molti altri possibili fattori di rischio per il diabete di tipo 1 sono stati studiati, ma nessuno è stato dimostrato. Alcuni altri possibili fattori di rischio includono:

  • L'esposizione ad alcuni virus, come il virus di Epstein-Barr, virus Coxsackie, virus della parotite e citomegalovirus
  • L'esposizione precoce al latte di mucca
  • Bassi livelli di vitamina D
  • L'acqua potabile che contiene nitrati
  • Precoce (prima dei 4 mesi) o tardiva (dopo 7 mesi) introduzione di cereali e di glutine nella dieta di un bambino
  • madre che aveva preeclampsia durante la gravidanza
  • ittero neonatale

Quali sono i sintomi del Diabete insulino - dipendente?

Nonostante la ricerca attiva, il diabete di tipo 1 non ha ad oggi una cura, ma può essere gestito. Con un trattamento adeguato, le persone con diabete di tipo 1 possono aspettarsi di vivere bene come tutti gli altri.  Segni e sintomi del diabete possono venire rapidamente e possono includere:

  • aumento della sete
  • minzione frequente
  • Enuresi nei bambini che in precedenza non bagnare il letto durante la notte
  • fame estrema
  • Perdita di peso non intenzionale
  • Irritabilità e altri cambiamenti di umore
  • Affaticamento e debolezza
  • visione offuscata
  • Nelle femmine, infezione vaginale frequente da candida

Gli alti livelli di glucosio nel sangue, se non gestiti, possono comportare danni da accumulo su diversi organi, compreso il cuore, i vasi sanguigni, nervi, occhi e reni. Mantenere il livello di zucchero nel sangue vicino al normale la maggior parte del tempo può ridurre drasticamente il rischio di molte complicazioni.

Quali sono i rischi del Diabete insulino - dipendente?

Le complicanze a lungo termine del diabete di tipo 1 sviluppano gradualmente, nel corso di decenni. Una buona gestione di zucchero nel sangue può aiutare a ridurre il rischio di complicanze; delle complicanze del diabete dobbiamo ricordare:

  • Cuore e malattie dei vasi sanguigni. Il diabete aumenta notevolmente il rischio di vari problemi cardiovascolari, tra cui la malattia coronarica con dolore al petto (angina), infarto, ictus, restringimento delle arterie (aterosclerosi) e pressione alta (ipertensione).
  • Danno ai nervi (neuropatia). Il danneggiamento da eccesso di zucchero dei piccoli vasi sanguigni (capillari) che nutrono i nervi, soprattutto nelle gambe può causare indirettamente danno ai nervi, con formicolio, intorpidimento, bruciore o dolore che di solito inizia alle punte delle dita dei piedi o le dita e si diffonde gradualmente verso l'alto. Danni ai nervi che interessano il tratto gastrointestinale possono causare problemi con nausea, vomito, diarrea o costipazione. Per gli uomini, la disfunzione erettile può essere un problema.
  • Danni renali (nefropatia). I reni contengono milioni di piccoli cluster dei vasi sanguigni che filtrano i rifiuti dal sangue. Lo zucchero in eccesso nel diabete può danneggiare il sistema di filtraggio delicato. Danni gravi può portare ad insufficienza renale o malattia renale allo stadio terminale irreversibile, che richiede la dialisi o un trapianto di rene.
  • Danni alla vista. Il diabete può danneggiare i vasi sanguigni della retina (retinopatia diabetica), che potrebbe condurre alla cecità e aumenta anche il rischio di altre condizioni di visione gravi, come la cataratta e glaucoma.
  • Danni del piede. Danni ai nervi dei piedi aumentano il rischio di varie complicazioni del piede. Non trattata, tagli e vesciche possono diventare gravi infezioni, che spesso guariscono male e che, nel peggiore dei casi possono risolversi solo con l’amputazione del dito, del piede o della gamba.
  • Malattie della pelle e la bocca. Il diabete può lasciare più suscettibile a problemi di pelle, comprese le infezioni batteriche e fungine.
  • Complicazioni in gravidanza. Alti livelli di zucchero nel sangue possono essere pericolosi sia per la madre e il bambino con rischio di aborto spontaneo, di nati morti e difetti di nascita con rischio di chetoacidosi diabetica della madre, problemi agli occhi e preeclampsia.

Come si diagnostica il Diabete insulino - dipendente?

Il diabete di tipo 1 è di solito diagnosticato attraverso una serie di test.  Segni e sintomi di glicemia alta con livello di glucosio nel sangue superiore a 200 mg / dL sono sufficienti a fare diagnosi della malattia. Poiché il corpo non produce insulina, le persone con diabete di tipo 1 dovranno prendere l'insulina e gestire la loro dieta ed esercizio fisico per mantenere gli zuccheri nel sangue all'interno di una stile di vita sano e attivo; le persone con diabete di tipo 1 devono assumere insulina tutti i giorni, somministrabile per iniezione.

Tuttavia, alcune persone usano una pompa di insulina che inietta insulina attraverso una porta nella loro pelle. Le necessità di insulina variano durante il giorno. Le persone con diabete di tipo 1 misurano regolarmente la loro glicemia per capire quanta insulina di cui hanno bisogno.
Dieta e attività fisica,associati a periodici controlli volti a verificare la eventuale insorgenza di complicanze consentono al malato di diabete di avere una vita regolare e, perchè no, di avere le stesse occasioni degli altri.
Grandi nomi nella storia dello sport erano diabetici, se ne citano alcuni:

  • Paul Aaron Scholes è un calciatore inglese la cui carriera si è svolta interamente nel Manchester United. Considerato uno dei migliori centrocampisti della sua generazione, è conosciuto oltre che per il suo grandissimo talento anche per la sua modestia. Paul Scholes ha vestito la maglia della Nazionale inglese per sette anni, debuttando nel 1997. Con la maglia dell'Inghilterra ha giocato i Mondiali del 1998 e del 2002 e gli europei del 2000 e del 2004. Dopo Euro 2004 ha annunciato il suo ritiro dalla nazionale per concentrare i suoi sforzi sul Manchester United e per dedicare più tempo alla sua famigliaCon la maglia del Manchester United ha vinto 7 scudetti, 3 Fa Cup,1 Champions League e 1 Coppa Intercontinentale: è diabetico.
  • Nicolas Amodio è un calciatore uruguayano che gioca come centrocampista nel Napoli, ha ricevuto il premio come atleta diabetico dell'anno, glielo ha assegnato l'Associazione Italiana Medici Diabetologi: non solo per le sue indubbie capacità atletiche, ma anche per il «coraggio» nel parlare liberamente della sua malattia.
  • Sugar Ray Robinson, all' anagrafe Walker Smith Jr., (Ailey, Georgia 3 maggio 1921- Culver City, California 12 aprile 1989) è stato un pugile statunitense considerato uno dei più grandi di tutti i tempi:  85 vittorie consecutive (senza nemmeno una sconfitta) tra gli amatori, detiene diversi primati nel mondo della boxe, tra cui quello di essere stato il primo pugile a vincere per ben 5 volte il titolo mondiale della sua categoria: era diabetico.

Che nessun genitore,davanti a questa diagnosi per il figlio, pensi mai che possa avere un handicap rispetto agli altri. Oggi il diabete si cura.