Pasti durante le feste e Colon IrritabileL'argomento della SINDROME DEL COLON IRRITABILE è stato già trattato, tuttavia qualche piccola indicazione in più per chi soffre di colon irritabile, colon spastico, o colite non è male: può essere la scusa per definire in anteprima il menù delle prossime festività!

  1. Regolarizzare il numero di pasti mantenendo il più possibile gli orari.
  2. Evitare o controllare lo stress.
  3. Mantenere una dieta ricca di fibre (frutta e verdura).
  4. Ridurre o eliminare verdure/ortaggi con filamenti (carciofi, cardi, broccoli, giri, fagiolini, burrania, cavolfiori, coste, lattuga cristallina e nostrana), eventualmente usarli passati con il frullatore.
  5. Evitare frutta con filamenti (banane, loti, fichi d’india, cocomero gelsi) ed acida (limoni, mandarini, arance, pompelmo).
  6. Evitare verdure, ortaggi e frutta con semini, prediligendo le stesse di altra qualità ma senza i semini che risultano irritanti (pomodori e pomodorini, zucchine, melanzane, cetrioli, uva, cocomero, fichi d’india, loti).
  7. Evitare alcolici, superalcolici e spezie (pepe, peperoncino, paprika, senape, ketchup, maionese).
  8. Evitare la frutta secca e derivati (cacao, caffè e derivati, mandorle, nocciole, pistacchi, pinoli, ceci, nutella e creme pasticciere contenenti questi alimenti).
  9. Usare carni rosse, prediligendo le parti magre (carni di vitello giovane, possibilmente sgrassato).
  10. Limitare gli insaccati grassi (salumi, mortadella, prosciutti) prediligendo insaccati magri (bresaola, carpaccio, fresa di manzo, fresa di tacchino, prosciutto crudo magro).
  11. Ridurre o eliminare formaggi stagionati duri (pecorino, primo sale, parmigiano, emmenthal).
  12. Usare formaggi freschi o di recente stagionatura (ricotta, crescenza, robiola, stracchino, mozzarella light).
  13. Prediligere l’olio di oliva a burro e margarina, evitando le fritture.
  14. Prediligere cottura al forno o a vapore.
  15. Le leguminacee (piselli, fagioli, lenticchie, ceci, mais) possono essere assunti ma solo passati. Si possono usare sia quelli secchi che freschi.
  16. Quando si usa scatolame o prodotti di lunga conservazione, verificare se sono usati come prodotti per la conservazione lattosio o derivati del lattosio (ad esempio nella gelatina della carne in scatola).
  17. Il pesce fresco o congelato è libero. Da moderare l’uso del pesce nordico o di acqua dolce, particolarmente grasso (salmone e trota i più comuni).
  18. I dolci, contenenti in genere latte o derivati, strutto e lardo, o derivati della frutta secca, vanno evitati o controllati. Sono da preferire prodotti semplici come pan di spagna e plum cake, che limitano i danni. Al limite si possono provare prodotti dolciari senza glutine, diffusi in commercio.
  19. Bere molta acqua e, senza volere pubblicizzare, prediligere acque "alcaline".