Cefalea ed EmicraniaCefalea ed Emicrania comunemente noti come "mal di testa", è una patologia molto comune, almeno l'80% della popolazione generale ne ha sofferto nella propria vita. Nella gran parte dei casi il sintomo, aspecifico, è trattato con anti-infiammatori, ma in alcuni casi (30-35%) la patologia può essere ricorrente e correlarsi ad un quadro patologico ben preciso. Si distinguono, considerando le cause:

  • cefalee primitive (in assenza di lesione organica) - a questo gruppo appartengono le forme muscolo tensive (65%), e le emicranie (30%)
  • cefalee secondarie (in presenza di lesione organica – a questo gruppo appartengono le forme benigne (da ipoglicemia), associate e secondarie a febbre, a uso o sospensione di farmaci e sostanze (in genere alimenti), secondarie a patologie dell’apparato uditivo, visivo, dentistico, e forme post-traumatiche.

Come si può ben intuire la diagnosi punta prevalentemente all'inquadramento della causa della cefalea: spesso rimossa la causa, si risolve il sintomo (una cefalea secondaria a difetto della vista si risolve correggendo la vista!), e comunemente, a parte esame anamnestico, clinico ed ematochimico, il medico richiede spesso accertamenti quali la TAC dell’encefalo, l’elettroencefalogramma di base, l’eco-color-doppler dei tronchi sovra-aortici. Le principali forme di cefalea primitiva sono espresse in forma episodica ricorrente, con possibilità di evoluzione in quadri più o meno cronici e continui in alcuni sottogruppi di pazienti.

Un cenno a parte meritano le forme comuni di mal di testa tipo “cefalea tensiva” e “l’emicrania”.

Cefalea tensiva - nella definizione è descritta la causa del mal di testa: una flogosi di fasce muscolari, tendinee e legamentose del capo e del collo possono portare ad un quadro di dolore che coinvolge il capo (spesso la nuca), con rigidità del capo e del collo, alterazioni dell’umore, bruxismo (mala occlusione dentaria con strofinio dei denti tra loro), vertigini; l’uso di anti-infiammatori, massaggi, applicazione di calore e fisioterapia possono essere sufficienti alla regressione del quadro sintomatologico.

Emicrania - è un disturbo spesso ereditario, scatenato da diversi agenti: esercizio fisico, altitudine, ipoglicemia, esposizione protratta a stimoli sensoriali intensi (luce, rumore), stress, deprivazione di sonno possono scatenare il quadro algico con dolore che coinvolge metà del capo, associato a disturbi della vista, senso di nausea e vomito, fotofobia, etc. In alcuni casi si parla di emicrania con aura (meno comune), preannunciata da una sequenza di segni specifici, e emicrania senza aura (la più comune), che in genere limita o impedisce, durante gli attacchi, l’esercizio alle attività quotidiane e peggiora con l’attività fisica.

Queste forme di cefalea necessitano di un intervento terapeutico farmacologico importante e specifico e l’uso di agopuntura o cortisonici ad alto dosaggio devono essere presi in considerazione.

Cefalea o Emicrania, qual è il vostro "Mal di testa"? Ogni vostro commento sarà gradito.