Spalla congelataLa capsulite adesiva è una patologia che interessa la spalla che rappresenta una complessa articolazione del corpo alla cui struttura partecipano ossa (scapola, omero, clavicola), legamenti e tendini, in particolare di un gruppo muscolare che prende il nome di cuffia dei rotatori.

I quattro muscoli che compongono la cuffia dei rotatori sono il muscolo sovraspinato, il muscolo sottospinato, il muscolo piccolo rotondo, posteriore, il cui tendine si inserisce leggermente al di sotto dell'inserzione del muscolo sottospinato ed il muscolo sottoscapolare.

La struttura della spalla può, a seguito di traumi, sforzi ripetuti, usura, andare incontro ad un processo patologico che prende il nome di spalla congelata: in questa condizione clinica, il paziente non è in grado di elevare il braccio davanti (anteposizione) o di lato (abduzione) e non può neanche ruotare il braccio stesso (extrarotazione) verso l’alto.

Quei minimi movimenti che il paziente riesce ad eseguire, consistono in marginali movimenti come quelli indicati spesso ottenuti non con il corretto funzionamento dei muscoli della cuffia dei rotatori, ma di muscoli accessori alla spalla come il muscolo trapezio.

Qual è la causa della spalla destra affetta da capsulite adesiva che appare bloccata, “congelata” nella posizione di adduzione? Ad oggi la causa della spalla congelata non è uguale per tutti, in alcuni casi è identificabile: in ogni caso, molte persone con spalla congelata hanno sofferto di immobilità a causa di una ferita recente o di una frattura o di una lussazione; inoltre è una patologia molto comune nelle persone con diabete o con altre patologie metaboliche (Ipertiroidismo o Ipotiroidismo, malattie cardiovascolari, morbo di Parkinson).

Gli eventi traumatici, come detto, sono spesso determinanti: il processo infiammatorio che si scatena a seguito di una contusione, di una lussazione, di una usura della spalla può nel tempo determinare un logorio dei muscoli della cuffia dei rotatori e della capsula articolare; in particolare il muscolo sottoscapolare, come un elastico surriscaldato al sole, si scuoce, perdendo elasticità e retraendosi.

 

La retrazione muscolare porta appunto al blocco della spalla. La condizione di spalla congelata, bloccata, non si accompagna a dolore, tranne quando si cerca di mobilizzarla, ma sono frequenti i casi in cui il dolore è presente, specie di notte, e si può associare anche ad alterazioni dei  nervi del braccio, con disestesie (formicolii, bruciore, addormentamento) del braccio, dell’avambraccio e della mano corrispondente.

A seguire una bella ed utilissima infografica sui sintomi, cause e trattamenti per la spalla congelata:

spalla congelata infografica sui sintomi, cause e trattamenti

Leggi anche: Capsulite adesiva o Spalla congelata (seconda parte).