Morbo di ScheuermannIl Morbo di Scheuermann, detto anche "dorso curvo giovanile", è una patologia scoliotica che coinvolge il segmento del rachide vertebrale dorso-lombare, che colpisce prevalentemente il sesso femminile. È una deformità strutturale che si caratterizza per una accentuazione, sul piano sagittale della normale curvatura (cifosi) del rachide dorsale e con una secondaria iperlordosi lombare.

La causa di questa malattia del Morbo di Scheuermann (che se non curata può evolvere verso la scoliosi franca, la spondilolistesi e la spondilo lisi), non è ancora nota, non si escludono la convergenza di fattori predisponenti (ereditarietà, difetti metabolici, etc) e fattori ambientali (microtraumi, sport usuranti, etc).

Nei segmenti ossei colpiti dal Morbo di Scheuermann l'ossificazione en condrale è profondamente alterata con alterazioni morfostrutturali delle cartilagini di accrescimento.

Ci sono due tipi di cifosi di Scheuermann:

  • con apice a livello di D7-D9
  • con apice a livello di D11-D12

I pazienti con cifosi dorsale si presentano dal medico lamentando la comparsa di una deformità senza sintomi importanti (dolore nel 20% dei casi), mentre quelli con cifosi lombare lamentano dolore vivo nell’80% dei casi.

Valutando l'articolarità rachidea su tutti i piani, bisogna distinguere una cifosi strutturata ed una cifosi posturale: la prima presenta una rigidità, la seconda no. Alla cifosi dorsale alta si accompagna una iperlordosi, a quella dorso-lombare una ipolordosi. La valutazione clinica si deve accompagnare a valutazione strumentale: una radiografia del rachide fornisce molti elementi per la diagnosi ed anche in termini prognostici: la forma lombare generalmente risponde bene ai metodi conservativi, come la terapia farmacologica (FANS e steroidi) e la fisioterapia. Nelle forme dorsali invece il trattamento del Morbo di Scheuermann spesso prevede interventi più decisi che vanno dall'uso di apparecchi gessati in iperestensione a trattamenti chirurgici come l'artrodesi qualora la curvatura supera i 75° resistendo al trattamento conservativo.

Allora, vi è piaciuto quest'articolo? Cosa ne pensate? Se volete condividere la vostra opinione o raccontarci la vostra esperienza in merito siete i benvenuti, ogni commento che vorrete lasciare è gradito!